Pietro Gatti il Poeta di Ceglie Messapica.

…e della sua terra rossa

Archivio per il tag “Buon Natale”

L’omme: stu purvarone…

Na stelle andraversesce tutt’u ciele
senze cu ttruppuchesce tutte l’ate,
ca nu picche se fascene de coste
quanne le vole passe assé vescine.
Ma ce cose succete a ll’ata vanne?
Nu cridde i ggià janghjute tutt’u munne,
se ve spannenne jnd’a ll’imbenite
cu ppo spetterre jnd’a ll’eternetà.
Cussu cri-cri de priesce, tutt’amore!
Stu fesschiettudde ind’ ò cungierte granne
pure d’a nebbulose cchjù llundane.
Addò?
Stè u cchjù llundane? I cci u sape?
L’omme: stu purvarone ca n’u porte u viende
i tte strafoche i cca te ceche le uecchje,
sta purvarodde i llusce jind’o scure
da nu cavuerte ca s’à cchjate u sole
sobb’a nna porte sembe agghjuse ò niende.
Stu solu bbuene ind’ò criatu sane!
Una stella attraversa tutto il cielo
senza che sfiori tutte le altre,
che un poco si fanno di lato
quando vuol passare loro troppo vicino.
Ma che cosa succede nell’altro luogo?
Un grillo ha già empito tutto il mondo,
si va spandendo nell’infinito
perché poi trabocchi nell’eternità.
Questo cri-cri di gioia, tutto amore!
questo fischiettino nel concerto immenso
pure della nebulosa più lontana.
Dove?
C’è il più lontano? E chi può saperlo?
L’uomo: Questo polverone che se lo porta il vento
e ti strozza e che ti acceca gli occhi.
questo pulviscolo, e luccica nel buio
da un foro che s’è trovato il sole
su una porta sempre chiusa al niente.
Questo sole buono nel creato intero.
Pietro Gatti
Anche l’amico Mimmo Barletta celebra oggi Pietro Gatti: così!

Navigazione articolo