Pietro Gatti il Poeta di Ceglie Messapica.

…e della sua terra rossa

Archivio per il tag “capolavoro”

8 marzo

Quanne u suspiru mije t’à cchiamate,
stasere, i o varcunciedde t’à ffacciate,
cudu rise de uecchje come a stelle,
o scure t’à llusciute, amoru bbelle.
Na strende m’agghje ‘ndise atturne o core
de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more.
P.G.
al balcone

A terra meje

A terra meje

A terra meje
… A terra meje,
asccuate cu rragge do sole,
cu ll’arsure andiche, ca manghe u sudore
de megghjare i mmegghjare de zappature
maje ì rriussciute cu stute.
Angore ‘ngun’ate jesse a demèneche a mmesse,
cu ttotte a spadde angurcate a ‘n derre,
rumase pe ssembe a lla tagghjole de na fatie
senze nessciuna rèchje,
cu a catene accurtessciute a lla pesare d’a chiofe amare.

A terra meje,
totte nu culore de sanghe seccate da sembe,
chjene de petre de tuttu nu munnu sgarrate
– o pure jòssere de quanda muerte? –
anzieme cu a maledezzione
d’a stese de le pendemare;
sembe a lla ripe d’a vite,
vvruvuggnose come a nnu peccinne
cu a vestezzodda corte d’a sorsa ggià mmorte;
a ll’abbanduene de tutte;
lassate p’a speranze de nu cre sarà cchjù mmegghje…

..A terra mea bbone, ca spette – da quande!-
cu a pacienze d’a fame
assettute sobbe o scalone, senze na mane d’aiute,
cu nna pavure de fame
ca le dìchene angore: “jagghje pasce!”
ca se pò mmove, nu ggiurne arraggiate,
jsanne u bbastone a ll’affese, a lle ‘nzurte.
…A terra meje, toste i sdeggnose sole de cuere,
ggelose de chjange,
de le smòrfie de rise ind’a fatture d’u miere
sarà pe nna ssende i nna vvete,
sembe cchjù stangate, cchjù ssole, cchjù afflitte
– percé ? –

… A terra mea vere, a terra jaspra meje,
c’avaste picca rùzzene d’a zappe
cu ttorne n’ata sarvagge
cu lle vasapiete i lle sccrasce;
a terra c’u coru mije agghjuse,
udiate cu ttuttu u bbene de totta l’aneme,
u sangu mije ambunne.
Ca riumésce amarore de fele,
ca nange jave forze manghe jasce cu ccange,
angandate jind’a morte de ggne ggiurne
come a nna véstia malate sobbe o stagghje
totta lassate a lla tambe i o sulenzie d’u scure.

La terra mia
… La terra mia,
bruciata con rabbia dal sole,
con l’arsura antica, che nemmeno il sudore
di migliaia e migliaia di zappatori
mai è riuscito a spegnere.
Ancora qualcun altro esce la domenica per messa,
col dorso incurvato tutto verso terra,
rimasto per sempre alla trappola di una fatica
senza nessuna requie,
con la catena accorciata alla pietra della zolla amara.

La terra mia,
tutta un colore del sangue rappreso da sempre,
piena di pietre di tutto un mondo crollato
– oppure ossa di quanto morti? –
insieme con la maledizione
della distesa delle rocce;
sempre sul ciglio della vita,
vergognosa come un fanciullo
con la vesticciola della sorella già morta;
nell’abbandono di tutti;
lasciata per la speranza di un domani forse migliore…

… La terra mia buona, che aspetta – da quanto!-
con la pazienza della fame
seduta sul gradino, senza una mano d’aiuto,
con una paura di fame
che le dicano ancora: “abbi pace!”
che si può muovere, un giorno arrabbiato,
levando il bastone all’offesa, agli scherni.
… La terra mia, dura e sgradevole solo nella spessa pelle,
schiva di piangere,
delle smorfie di riso nella fattura del vino
forse per non sentire e non vedere,
sempre più stanca, più sola, più attristata,
– perché ? –

… La terra mia vera, la terra aspra mia,
che basta poca ruggine della zappa
perché torni un’altra volta selvatica
con i baciapiedi e i rovi;
la terra col cuore mio rinchiuso,
odiata con tutto l’amore di tutta l’anima,
il sangue mio profondo.
Che rumina amarezza di fiele,
che non ha forza neppure di mutar giagitura,
attonita nella morte di ogni giorno
come una bestia malata sullo stabbio
prostrata nel tanfo e nel silenzio del buio.

Navigazione articolo